Blog Centro Iperbarico di Ravenna

L’OTI nella cura delle radiolesioni

Scritto da Redazione Centro Iperbarico di Ravenna il 30/ 01/ 2019

La radioterapia è una particolare terapia fisica che utilizza le radiazioni, in genere i raggi X, per curare i tumori. I rischi di questa terapia? Possono insorgere delle radiolesioni, trattabili al Centro Iperbarico  con l’ossigenoterapia iperbarica (OTI).

I raggi X sono stati scoperti alla fine del 1800 e da allora sono utilizzati sia a scopo diagnostico (radiografie) che a scopo terapeutico (radioterapia). Nella radioterapia sono utilizzati per colpire e distruggere le cellule tumorali, cercando di risparmiare quelle sane.

Nonostante la radioterapia sia effettuata con sempre maggiore precisione, può succedere che alcune cellule sane, vicine alla zona malata, vengano colpite dalle radiazioni. Solitamente queste cellule sono in grado di riparare autonomamente il danno subito nel giro di poco tempo dalla fine della radioterapia. Alcune volte, però, a distanza di mesi o anche di anni dalla cura, si manifestano disturbi a carico dei tessuti molli o delle ossa.

 

Patologie da radiolesione

Le patologie che ne derivano prendono il nome di radiolesioni, e quelle più frequenti sono:

  • Cistiti, proctiti ed enteriti post attiniche, possono sono insorgere dopo l’irradiazione di tumori al basso ventre (intestino e apparato uro-genitale).
  • Necrosi laringee e mandibolari, possono insorgere dopo l’irradiazione di tumori alla testa o al collo.
  • Ulcere cutanee, possono insorgere nella zona irradiata adiacente al tumore (es: mammella).

 

Come curare le radiolesioni

Al Centro iperbarico di Ravenna curiamo le radiolesioni con l’ossigenoterapia iperbarica (OTI).

Nelle cistiti, proctiti e enteriti post attiniche lo scopo dell’OTI è la risoluzione della macroematuria (sangue nelle urine) o della rettorragia.

Nelle necrosi laringee e mandibolari lo scopo dell’OTI è migliorare l’ossigenazione dei tessuti sofferenti.

Nelle ulcere da radiazioni il protocollo terapeutico è simile a quello delle ulcere cutanee di origine vascolare, e lo scopo dell’OTI (associato a medicazioni avanzate) è la guarigione della ferita.

 

Il percorso di ossigenoterapia iperbarica (OTI)

Il numero delle sedute di OTI varia da 40 a 60, a seconda della patologia trattata. Al primo ciclo di terapia possono seguire dei cicli di richiamo.

 




Per maggiori informazioni sul nostro percorso per le radiolesioni, consulta la pagina di approfondimento.

 

I maggiori benefici con l’OTI si ottengono grazie alla formazione di nuovi vasi sanguigni (effetto angiogenico), allo stimolo riparativo, all’attività antibatterica e alla riduzione della fibrosi e dell’infiammazione dei tessuti danneggiati.

 

Come prenotare un percorso di ossigenoterapia iperbarica (OTI)

Per ulteriori informazioni o per prenotare una visita per il trattamento di cura delle radiolesioni del Centro Iperbarico di Ravenna, potete contattare la segreteria al numero 0544/500152, o scrivere una mail a scrivici@iperbaricoravenna.it.  Il Servizio Sanitario Nazionale riconosce i costi per la cura della radiolesione con l’OTI, per cui serve l’impegnativa del medico specialista o del medico curante.

 

Condividi: